Una Giornata in ricordo di Francesco Zaccaria

“La contabilità pubblica tra regole nazionali ed europee” è stato il tema della Giornata in ricordo del Prof. Francesco Zaccaria, che si è tenuta venerdì 17 maggio 2019 all’Università Europea di Roma.

Francesco Zaccaria è stato magistrato TAR Lazio. Dopo aver conseguito la libera docenza, ha optato per insegnare nell’Università prima a Cagliari, poi Genova, Teramo e infine a Roma.

Sia a Teramo che a Roma ha avuto prestigiosi incarichi accademici da Direttore di Dipartimento e Preside di Facoltà e in molte altre attività e commissioni.

Ha insegnato sia alla scuola ufficiali della Guardia di Finanza che per l’Arma dei Carabinieri, dove ha protratto il suo insegnamento per 40 anni, divenendo il decano tra i professori. Ha avuto anche qui diversi riconoscimenti e ulteriori incarichi, derivati dal suo impegno e spirito di servizio anche in altri ambiti. Ha insegnato presso la scuola di alti studi militari e nei corsi per aggiornamento professionale dei Capitani.

Nel 2008 è stato nominato revisore dei conti per la Presidenza della Repubblica. Nella sua carriera, oltre a scrivere numerosi articoli in prestigiose riviste, monografie e volumi con altri colleghi, ha anche avuto molte riconoscenze e premi.

Dal convegno all’Università Europea di Roma è emerso il ricordo di un professionista e di un uomo di fede, che ha condiviso i suoi valori con la famiglia. Alla Giornata hanno preso parte, fra gli altri: Angelo Buscema, Presidente della Corte dei Conti, Umberto Roberto, Coordinatore accademico UER, Loredana Giani, Coordinatrice del Corso di Laurea in Turismo UER, e Matilde Bini, Coordinatrice del Corso di Laurea in Economia e gestione aziendale UER.

I relatori hanno ricordato la vita del Prof. Zaccaria, imperniata dal senso più profondo del servizio per lo Stato e verso gli altri. Una missione che si è concretizzata nel praticare varie forme di volontariato con le suore di Madre Teresa di Calcutta e con la Caritas Parrocchiale, e nell’impegno come capo scout Agesci in diversi gruppi.

 

Condividi: