Economia e innovazione Alta Formazione Online online
Inizio: 2 Ottobre 2020 Durata: 8 ore CFU/CFI: 2

Flessibilità, autonomia, responsabilizzazione, orientamento ai risultati: con queste parole chiave si potrebbero sintetizzare gli elementi principali dello Smart Working, anche detto lavoro “agile”, nuovo paradigma applicabile non solo all’interno delle Aziende, ma anche all’interno della Pubblica Amministrazione. Nuovo paradigma tale da consentire di raggiungere significativi vantaggi sia dal punto di vista dell’efficienza delle Organizzazioni sia dal punto di vista della gestione delle risorse umane.

Nel laboratorio si approfondisce cos’è lo Smart Working e come funziona, partendo dalla definizione e dalla normativa che lo regola e da quali tecnologie possono renderlo una concreta realtà. Infatti se il lavoro agile è in primo luogo un tema chiave che investe la cultura organizzativa, la tecnologia per la sua realizzazione gioca un ruolo non meno importante.

Lo Smart Working e la trasformazione digitale si abilitano vicendevolmente: da una parte, infatti, lo Smart Working ha bisogno delle tecnologie per una concreta realizzazione delle sue pratiche e dei suoi modelli, dall’altra rappresenta esso stesso una grande leva per la realizzazione della trasformazione digitale di tutte le Organizzazioni .

A chi si rivolge

L’iniziativa si rivolge a Dirigenti e Funzionari non esperti di tecnologie dell’informazione, appartenenti ad aziende del settore privato ed enti e amministrazioni pubbliche che stiano affrontando o avviando progetti di trasformazione digitale che richiedano di adottare nuovi processi e nuovi modelli organizzativi. Sarà possibile seguire il laboratorio in modalità online.

Numero partecipanti

Minimo: 10 – Massimo: 20

Docenti

Simonetta Moreschini
Ha maturato una lunga esperienza manageriale nell’ambito dell’Information Technology. Dopo una prima esperienza come ricercatrice presso un Centro Studi della Confindustria ed Unioncamere entra in IBM dove arriva a ricoprire posizioni di Executive guidando tra le altre la Struttura Servizi del Settore Pubblico della Regione South Europe e nel 2005 come Amministratore Delegato la Sistemi Informativi (Società 100% IBM). Nel Luglio del 2006 passa in Microsoft dove ricopre diverse posizioni apicali gestendo i maggiori Clienti privati ed Istituzioni Pubbliche Italiane ed i principali Partners strategici per la filiale italiana di Microsoft.
Nell’ambito della esperienza come Direttore della Divisione Pubblica Amministrazione di Microsoft Italia ricopre la responsabilità dei rapporti con tutti gli Organi del Settore Pubblico e delle principali Istituzioni sviluppando iniziative per contribuire allo sviluppo del nostro Paese attraverso l’innovazione e la trasformazione digitale attraverso l’uso della tecnologia.

 

Al termine del corso otterrai


  • 2 CFU

  • Attestato
  • Costo

    270€ + Iva

    Iscriviti al corso

    Iscrizioni dal 1/7/2020 fino al 25/9/2020. Per iscriversi seguire le istruzioni

    Materiali didattici

    Il materiale didattico del corso sarà disponibile sulla piattaforma didattica Corsi UER

    Richiedi informazioni su questo corso

    Ho letto e compreso l'informativa*

    PRIMA PARTE – 2 ottobre ore 14.30-18.30

    • Introduzione ai concetti di base dello Smart Working: cos’è lo Smart Working ed in cosa differisce dal telelavoro:
      • una rivoluzione culturale, organizzativa, di processo
      • che scardina alla base consuetudini e approcci tradizionali e consolidati nel mondo del lavoro
      • un modo di lavorare basato su una cultura orientata ai risultati e su una valutazione legata alle reali performance.
    • Quadro legislativo dello Smart Working: la definizione di Smart Working, contenuta nella Legge n. 81/2017, pone l’accento sulla flessibilità organizzativa, sulla volontarietà delle parti che sottoscrivono l’accordo individuale e sull’utilizzo di strumentazioni che consentano di lavorare da remoto (come ad esempio: pc portatili, tablet e smartphone).
    • Caso di studio e discussione: “Lo Smart Working è una rivoluzione culturale o una semplice riorganizzazione del lavoro?”. Si tratta di un approccio che presuppone un profondo cambiamento culturale, una revisione radicale del modello organizzativo dell’azienda (pubblica o privata) ed il ripensamento delle modalità che caratterizzano il lavoro non solo fuori ma anche all’interno dell’azienda, ripensato ed ispirato ai principi di flessibilità, virtualizzazione, collaborazione tra le persone.Cosa è l’IoT e come cambierà la nostra vita nel prossimo futuro

     

    SECONDA PARTE – 3 ottobre ore 9.30-13.30

    • Esempi di Progetti di Smart Working realizzati in Aziende private e nell’ambito delle Pubbliche Amministrazioni:
      • Cosa significa implementare lo Smart Working concretamente?
      • Cosa serve fare perché sia un Progetto di successo?
      • Quale è il ruolo della tecnologia, quali sono le principali tecnologie abilitanti?
    • Caso di studio e discussione: “Smart Working: un’opportunità per le Aziende e le persone” – Ripensare l’organizzazione stessa del lavoro, gli spazi, e le modalità di collaborazione tra le persone.
    • Caso di studio e discussione “Smart Working e tecnologia” – due fattori che si abilitano reciprocamente in una nuova dimensione e visione del lavoro.