Sbocchi occupazionali

Sebbene il Corso prepari a ricoprire differenti ruoli all’interno di imprese e organizzazioni, gli sbocchi occupazionali sono particolarmente in linea con i seguenti profili professionali, attualmente molto richiesti dal mercato del lavoro:

Esperto della transizione digitale

Partecipa allo sviluppo del percorso di transizione digitale all’interno dell’organizzazione in cui opera, fornendo supporto alle strutture coinvolte per la definizione di nuovi modelli di business e/o di servizio, soluzioni organizzative, nuovi processi di lavoro, utilizzo delle tecnologie abilitanti.

Si occupa delle attività di sviluppo delle iniziative innovative: dalla analisi delle esigenze degli utenti alla definizione degli obiettivi fino alla progettazione e realizzazione delle soluzioni individuate.

Competenze associate alla funzione:

  • Capacità di analizzare o individuare le esigenze di clienti/utenti: studi di fattibilità, individuazione degli strumenti più idonei, analisi dei problemi aziendali, definizione dei requisiti utente.
  • Capacità di dialogare efficacemente con le strutture tecniche coinvolte nel percorso di transizione digitale.
  • Capacità di progettare e seguire la realizzazione degli interventi.
  • Capacità di fare formazione/informazione al personale o agli utenti finali.
  • Capacità di redigere o presentare rapporti e stati di avanzamento dei progetti.
  • Conoscenza dei principi e delle procedure per fornire servizi ai clienti e alle persone; valutazione dei bisogni del cliente, il raggiungimento degli standard di qualità e la valutazione della soddisfazione della clientela.
  • Conoscenza delle procedure amministrative e d’ufficio, dei programmi di collaborazione applicativa, delle tecniche di gestione di archivi e di basi di dati.
  • Conoscenza dei principi e dei metodi che regolano l’impresa e la sua gestione relativi alla pianificazione strategica, all’allocazione delle risorse umane, finanziarie e materiali, al coordinamento delle persone e delle risorse.

Sbocchi occupazionali:
Grandi aziende, piccole e medie imprese, startup e pubblica amministrazione.

Esperto in gestione digitale di risorse culturali

Questa figura professionale gestisce progetti di valorizzazione del patrimonio culturale. Utilizza metodologie di progettazione e design di servizi e applica le più innovative tecnologie informatiche quali, ad esempio, realtà aumentata e tecnologie visuali interattive, big data e social media mining, intelligenza artificiale applicata ai beni culturali, comunicazione multicanale, didattica interattiva. Si occupa della organizzazione della conoscenza del patrimonio culturale utilizzando gli strumenti web per reperirla e rappresentarla.

Competenze associate alla funzione:

  • Capacità di governare il ciclo di vita delle risorse culturali.
  • Capacità di progettare e realizzare soluzioni per la valorizzazione del patrimonio culturale.
  • Capacità di utilizzare gli strumenti per la gestione di dati.
  • Capacità di gestire il patrimonio conoscitivo ed organizzare adeguatamente la conoscenza di una organizzazione.
  • Conoscenza di soluzioni nel campo dell’editoria digitale.
  • Conoscenza di applicazioni informatiche per la gestione digitale di risorse culturali.
  • Conoscenza di soluzioni avanzate per la rappresentazione e l’organizzazione del patrimonio conoscitivo proveniente da dati e documenti di organizzazioni, aziende, enti, istituzioni pubbliche e private.

Sbocchi occupazionali:
Aziende ed enti che operano nel settore dei beni culturali.
Aziende e pubbliche amministrazioni che hanno necessità di gestire un patrimonio conoscitivo di oggetti culturali.